Intervista a Saverio Longo, Presidente FIGMMA

La bella vittoria di Dario Bellandi ai campionati europei IMMAF è la scusa con la quale abbiamo contattato il Presidente di FIGMMA Saverio Longo,  volevamo una sua valutazione sull’operato della nostra rappresentativa. Ne è nato invece un piacevole confronto in cui si sono toccati vari argomenti e che ha permesso al Presidente di fare il punto sulla situazione, parlare dei progetti futuri e di darci qualche succosa anticipazione
MMA ARENA: Presidente, sono un po’ di anni che FIGMMA sta operando con lei in carica, a che punto siamo?  E’ soddisfatto? Si poteva fare di più? Siamo in linea con le sue previsioni di crescita?
Saverio Longo: Sono molto soddisfatto. Da quando io e Vito Paolillo abbiamo fondato la Federazione, nel 2009, abbiamo avuto di anno in anno una crescita esponenziale ed inarrestabile.

MMA ARENA: Delle discipline che segue FIGMMA, quale ritiene stia espandendosi maggiormente e perché?

 

Saverio Longo: La crescita maggiore la stiamo riscontrando nelle MMA. D’altronde, le MMA sono state definite “the fastest growing sport in the world” (lo sport con la più rapida crescita nel mondo). A mio parere, due sono i motivi principali: è lo sport da combattimento più efficace per la difesa personale e quello più spettacolare da vedere.
Anche il Grappling, che racchiude le tecniche di tutti gli stili di lotta, e il BJJ, specializzato nella lotta a terra, sono sport in rapida crescita che uniscono all’aspetto ludico la grande efficacia per la difesa personale. Però, a differenza delle MMA che, diventate ormai per i giovani un fenomeno di costume, attirano l’attenzione anche dei non praticanti, il Grappling e il BJJ sono discipline che interessano solo a chi le pratica.
A dimostrazione della loro efficacia poi si può notare come oggi quasi tutti i reparti speciali militari e di polizia del mondo studiano e si allenano nelle MMA e nel Grappling e, a mio parere, tutti gli operatori delle forze dell’ordine dovrebbero apprendere queste discipline.
images
MMA ARENA: Voi vi occupate di MMA soprattutto a livello dilettantistico, a livello professionistico in Italia si registra un periodo di stallo, pare che la crescita si sia fermata, gli atleti pro sono pochi e combattono poco, ha una sua idea di quali possono essere i problemi ed eventuali soluzioni?
Saverio Longo: In tutti gli sport, il professionismo richiede investimenti da parte di privati. La maggior parte degli imprenditori sono però interessati, come è ovvio, più al ritorno economico che allo sport stesso. Se le MMA diventassero uno sport popolare e più presente sui media (soprattutto in TV), ci sarebbero molti più imprenditori disposti ad investire (come è oggi negli USA). Purtroppo, la situazione italiana in questo campo non è delle migliori per vari motivi tra cui: monopolio del calcio, poco interesse dei media e crisi economica. Non dimentichiamo poi che in Italia esistono anche dei fattori culturali che frenano lo sviluppo degli sport da combattimento. Ricordo ad esempio che pochi anni fa una direttiva della commissione di vigilanza della RAI vietò la trasmissione degli sport da combattimento (tra cui anche la lotta e il judo) nella “fascia protetta” perché giudicati violenti. Questo fa capire che tipo di mentalità esiste in Italia nei confronti degli sport da combattimento. Tuttavia, sono convinto che continuando a lavorare come stiamo facendo, e grazie anche alla enorme diffusione che hanno ed avranno sempre di più le MMA dilettantistiche, con il tempo riusciremo a “sdoganare” lo sport delle MMA ed a farlo accettare dai media mainstream. Certamente, non fa bene all’immagine e allo sviluppo delle MMA, e la FIGMMA è molto impegnata su questo fronte, il loro accostamento, creato spesso da media generalisti che cercano titoli ad effetto per colpire il pubblico, a fenomeni di violenza barbara, di estremismo politico o di subculture metropolitane clandestine ed illegali.

MMA ARENA: Patrocinio: può spiegare quali sono i vantaggi per un promoter che volesse farsi patrocinare da FIGMMA, e quali sono costi e obblighi?

 

Saverio Longo: I vantaggi di avere l’approvazione e il patrocinio della FIGMMA per gli eventi di MMA Pro, tra gli altri, sono i seguenti:
-gli arbitri e i giudici sono formati gratuitamente, riconosciuti e nominati dalla Federazione;
-la Federazione promuove tramite i propri canali mediatici l’evento prima e dopo lo svolgersi dello stesso e fa pubblicare i risultati degli incontri sul sito internet dell’IMMAF, su www.sherdog.com e su www.mixedmartialarts.com
-la Federazione, per la promozione dell’evento, concede l’utilizzo del proprio logo con la scritta “Con il patrocinio della FIGMMA – SANCTIONED BY FIGMMA”.
-A fronte di questi vantaggi, la Federazione non chiede nessun contributo economico per concedere il patrocino e l’approvazione ad un evento di MMA Pro e gli obblighi sono minimi e tutti rivolti alla tutela della salute degli atleti e alla tutela legale degli organizzatori. Insomma, non ci sono motivi per non chiedere il patrocinio alla FIGMMA per un evento di MMA Pro.

MMA ARENA: Come blog abbiamo aperto una campagna di sensibilizzazione verso i test ematici, cosa ne pensa? Come si pone FIGMMA verso questo problema?

 

Saverio Longo: In FIGMMA, per gli atleti che partecipano alle gare con Regolamento IMMAF i test ematici sono obbligatori. A tal fine, la FIGMMA sta portando avanti un’opera di sensibilizzazione tra gli atleti per invitarli a diventare donatori di sangue che, oltre a costituire un gesto di solidarietà e di grande generosità che ha un notevole valore civico ed etico e consente di salvare tante vite umane, permette di ottenere gratuitamente i test ematici.

 

MMA ARENA: Voi organizzate fior di tornei di grappling e bjj, uno dei problemi che abbiamo riscontrato (non solo da voi, è generale) è che ai livelli più bassi molti sono scoraggiati e magari non partecipano perché temono di incontrare “vecchie volpi” che di fatto dovrebbero stare nella serie superiore ma non salgono per potersi accaparrare coppe e medaglie, non c’è proprio modo di arginare questo andazzo?

 

Saverio Longo: Questa è una responsabilità degli Insegnanti Tecnici che dovrebbero iscrivere alle gare i loro atleti nelle serie corrispondenti al loro grado di cintura che rispecchia la preparazione e l’esperienza.

 

MMA ARENA: Veniamo alla Nazionale FIGMMA di MMA, sono appena passati gli Europei, considerazioni? E’ soddisfatto?

 

Saverio Longo: Sono molto soddisfatto. Dario Bellandi ha conquistato la prima medaglia d’oro italiana ad un Campionato Europeo dell’IMMAF. Dopo aver vinto i Trials italiani per l’accesso alla Nazionale, al Campionato Europeo in Bulgaria ha fatto una gara straordinaria: primo incontro vinto per KO, secondo vinto per decisione, terzo vinto per ghigliottina e finale vinta contro un forte svedese per decisione. Insomma una inarrestabile scalata affrontata con cuore e determinazione che lo ha portato sulla vetta d’Europa! (congratulazioni anche al suo Insegnante Tecnico Massimo Rizzoli).
Inoltre, l’Italia ha conquistato anche 4 medaglie di bronzo con Ilaria Norcia, Arizko Bregu, Marco Zannetti e Daniele Matiddi. Tutti atleti straordinari che hanno portato lustro alle MMA italiane nel mondo.

images

MMA ARENA: Quest’anno i Trials hanno coperto gran parte del territorio nazionale, prevede che questo fenomeno che è senz’altro positivo, continuerà?

 

Saverio Longo: Certo che continuerà. Tutte le società sportive affiliate alla FIGMMA possono chiedere di organizzare una tappa dei Trials e la Federazione ha interesse a coprire tutto il territorio italiano con questi tornei con i quali viene selezionata, in maniera meritocratica, la Nazionale Italiana.

 

MMA ARENA: Una domanda scomoda: i Trials sono oggettivamente un metodo democratico per scegliere i componenti della Nazionale, il rovescio della medaglia è che se un giovane con poca esperienza va contro uno che ha già fatto mondiali ed europei è molto probabile che perda…e si rischia di avere quasi sempre gli stessi.  Sotto l’ombrello del dilettantismo, altro annoso problema degli sport da combattimento, si possono trovare fighter con 3 combattimenti e altri con 100. Non si può introdurre qualche paletto nel meccanismo di selezione, tipo età massima per un eleggibile, o un numero max di match o partecipazioni agli eventi IMMAF? Giusto per garantire una rotazione continua.

 

Saverio Longo: Per le gare nazionali abbiamo creato ormai da molti anni il sistema delle serie (serie A, serie B, serie C e serie D) per permettere agli atleti di affrontare l’attività agonistica in maniera graduale.
Per quanto riguarda il discorso della Nazionale, avere dei forti atleti dilettanti che permettono la conquista di importanti traguardi a livello internazionale, è uno dei principali obiettivi di tutte le Federazioni Sportive Nazionali. Quindi, al contrario, penso che sarebbe controproducente imporre dei paletti federali nel meccanismo di selezione per la Nazionale Italiana. Inoltre, in tutti gli sport da combattimento ci sono atleti che non passano mai al professionismo. Passare al professionismo è infatti una libera scelta degli atleti.
Nelle MMA semmai il problema è l’opposto, ossia ci sono molti atleti che passano troppo rapidamente al professionismo senza aver maturato prima le necessarie basi tecniche e fisiche e un’adeguata esperienza.
Non dimentichiamo poi che in molti sport da combattimento, come la lotta, il judo e il taekwondo, non esiste il professionismo e la carriera di un’atleta si sviluppa solo in ambito dilettantistico.

 

MMA ARENA: Il ruolo del CT: al momento con i Trials ha poco potere, in pratica incontra gli atleti direttamente all’evento e fa loro da angolo. Non c’è modo di aumentarne le responsabilità, magari permettendogli di convocare un paio di wild card a suo piacimento, oppure organizzando dei collegiali?

 

Saverio Longo: Voglio che il sistema di selezione per le Nazionali Italiane di Grappling e MMA sia il più obiettivo e meritocratico possibile e quindi non trovo giusto lasciare alla discrezionalità dei DTN la scelta di alcuni atleti.
La meritocrazia, parola purtroppo un po’ dimenticata nel nostro paese, è uno dei principi alla base delle attività della FIGMMA. Chi vince va in Nazionale, non ci sono né privilegi né favoritismi.
Per quanto riguarda i collegiali per le Nazionali, ne ha appena organizzato uno il DTN del Grappling Bernardo Serrini a Livorno per le Nazionali che parteciperanno al Campionato Europeo di Grappling a fine mese in Serbia. Inoltre, gli atleti Azzurri prima delle gare internazionali hanno sempre la possibilità di allenarsi nelle palestre dei loro DTN.

IMMAF-logo.png

MMA ARENA: Guardando l’organigramma FIGMMA si nota che per le MMA Pro i “responsabili per il nord e per il centrosud” sono Stabile e Ciolli ed entrambi sono DTN. Vuol dire che entrambi potranno fare da CT per i prossimi eventi? Come sarebbe la suddivisione dei compiti? Andrebbero entrambi o si alterneranno?

 

Saverio Longo: Fabio Ciolli e Filippo Stabile sono tra i migliori Insegnanti Tecnici di MMA che abbiamo in Italia e questo è indubbio. Per questo motivo sono stati scelti dalla Federazione per il ruolo di Direttori Tecnici Nazionali. Ad ogni gara internazionale poi la Federazione convocherà un solo DTN che sarà deciso volta per volta anche in base alla loro disponibilità.

 

MMA ARENA: Vuole parlarci dei programmi futuri, è in arrivo qualche evento nuovo e degno di nota?

 

Saverio Longo: A fine aprile si svolgeranno per la prima volta nella storia i Campionati Europei di Grappling insieme a quelli degli stili di lotta olimpici (Lotta Libera e Greco-Romana) e questo per noi è un grande traguardo. La Federazione Internazionale di Lotta e Grappling, la United World Wrestling, sta dando la giusta importanza e visibilità al
Grappling che tra tutti gli stili di lotta, sia olimpici che non olimpici, è quello che sta crescendo di più nel mondo.
Anche in Italia, sto stimolando il più possibile l’organizzazione di gare di Grappling e di MMA in concomitanza con gare di Lotta Olimpica e questo perché credo fermamente nei grandi benefici che gli atleti di Grappling e di MMA ottengono, sia a livello fisico che tecnico,  con la pratica agonistica della Lotta.
In seno all’IMMAF stiamo lavorando con le Federazioni degli altri paesi per la stesura dei programmi tecnici degli esami di cinture nelle MMA (da cintura gialla a cintura nera).
Per gli eventi nuovi e degni di nota vi segnalo “The Golden Cage”, evento di MMA Pro patrocinato dalla FIGMMA che si svolgerà il 13 maggio a Milano. Sarà un format interessante che unirà la musica alle MMA e aiuterà a rendere più popolare lo sport al di fuori del nostro mondo.
Ricordo poi a tutti i Campionati Italiani di BJJ/Grappling Gi, MMA e Grappling No-Gi che si svolgeranno a Roma rispettivamente il 23 aprile, il 14 maggio e il 28 maggio. Inoltre, a breve, per le MMA Pro lo Storm King of Sicilies il 22 aprile a Sorrento e il 5° Gorizia
Challenge il 6 maggio e, per il Grappling No-Gi, il 4° Liguria Grappling Open il 7 maggio a Varazze.
Poi ancora, a seguire: il 2° Sicilia Open di Grappling e MMA il 21 maggio, la 1^ tappa dei National MMA Team Trials e il PNFC 8 di MMA Pro il 27 maggio a Pordenone, il Trofeo Hipponion il 28 maggio in Calabria e il 3° War in Cage di MMA il 25 giugno a Sora.

_MG_8299.jpg

MMA ARENA: MMA alle olimpiadi, ci si può riuscire? Lei ci crede?

 

Saverio Longo: La situazione delle tre discipline, Grappling, BJJ e MMA, è molto diversa.
Il Grappling è uno sport gestito da una Federazione Internazionale riconosciuta dal CIO (Comitato Olimpico Internazionale), la United World Wrestling, e quindi in teoria avrebbe una strada facile e veloce per diventare sport olimpico.
Per il BJJ la situazione è complicata. Il BJJ è gestito da varie Federazioni Internazionali non riconosciute dagli organismi sportivi internazionali preposti (SportAccord e CIO) tra le quali, quella che ha più seguito, la IBJJF, è una organizzazione a scopo di lucro e non strutturata su base democratica e quindi non ha i requisiti per ottenere il riconoscimento di SportAccord e del CIO. Inoltre, anche se li avesse, non potrebbe ottenere il riconoscimento perché già esiste una Federazione Internazionale di ju-jitsu riconosciuta da SportAccord, la JJIF, alla quale però ad oggi non sembra interessare lo sport denominato BJJ. In più, la Federazione Internazionale di Judo, che ha molto potere all’interno del CIO, farà di tutto per non far entrare ai Giochi Olimpici uno sport come il BJJ che è simile al judo.
Delle MMA, invece, credo fermamente che in futuro diventeranno sport olimpico. L’IMMAF a tale scopo sta lavorando egregiamente. E’ una organizzazione senza scopo di lucro e strutturata su base democratica e quindi ha i requisiti per ottenere il riconoscimento di SportAccord e del CIO. Inoltre, oltre ad aver conquistato il monopolio di fatto per le MMA dilettantistiche nel mondo, sta lavorando alacremente al fine di ottenere il riconoscimento della WADA e di SportAccord e quindi, in sostanza, con l’IMMAF la lunga strada che porterà le MMA alle Olimpiadi è già iniziata! Le MMA nei prossimi anni si svilupperanno sempre di più nel mondo e più il movimento sportivo di questa disciplina crescerà e più il CIO non potrà fare finta di niente. Ovviamente, le Olimpiadi non saranno un traguardo che raggiungeremo a breve termine. Sarà una strada molto lunga e difficile ma, sono certo, prima o poi ci arriveremo.
D’altra parte, anche chi è contro le MMA alla fine dovrà farsene una ragione perché le MMA sono un fenomeno inarrestabile. Sono come il mare che avanza e non si può fermare il mare con le mani.

 

MMA ARENA: La ringrazio ancora Presidente, è stato un piacere poterle parlare, speriamo di vederci a qualche evento dal vivo.

 

Saverio Longo:
Sono io che ringrazio voi per l’aiuto che ci date per una corretta divulgazione dei nostri sport. Inoltre, permettetemi di ringraziare i Consiglieri Federali della FIGMMA, Vito Paolillo, Fabio Ciolli, Alessandro Federico, Bernardo Serrini, Gianfranco Delli Paoli e Giulio Candiloro, tutte le persone che collaborano con la FIGMMA per far crescere i nostri amati sport e i nostri Sponsor Federali ADIDAS E VANDA
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...